123Scommesse.it
Cerca in 123scommesse
Home » tipi di scommesse » martingala

Amato o odiato, il metodo Martingala scommesse è uno dei più discussi e chiacchierati tra gli appassionati del betting in Italia. Nel momento in cui viene tirato in ballo, affiorano puntualmente opinioni contrastanti. Ma prima di entrare nello specifico su cosa sia e perché dia tanto spunto a discussioni andiamo a vedere, nella tabella sottostante, i migliori siti scommesse per il metodo Martingala.

5 Siti di scommesse che soddisfano i tuoi criteri...
#1 Sito Scommesse in Italia
355 codes CLAIMED

Fino a 305€

  • Il più grande palinsesto scommesse
  • Live Streaming
  • Scommesse Virtuali
Copied

Fino a 260€

  • Facilità di Utilizzo
  • Grande Varietà di Sport e Mercati
  • Quote Speciali

Fino a 210€

  • Vasta scelta di mercati
  • Tra le migliori quote in circolazione
  • Scommesse Live

Fino a 100€

  • Buone promozioni settimanali
  • Vasta scelta mercati
  • Tanti sport su cui scommettere
Copied

Fino a 105€

  • Ricche promo settimanali
  • Live Streaming e Scommesse Live
  • Scommesse Virtuali

Cos’è il sistema Martingala?

Il sistema Martingala è un metodo puramente matematico, che si riferiva originariamente ad una serie di strategie utilizzate dagli scommettitori francesi nel XVIII secolo. Fin dai tempi molto remoti i giocatori vi ricorrevano nel calcolo delle probabilità sull’uscita di testa o croce di una moneta. Diversi giocatori al casinò usufruivano dei benefici di tale progressione anche nella roulette, per combinare delle puntate sulle caselle nere o rosse piuttosto che sulle caselle pari o dispari. A ogni perdita, corrispondeva il raddoppio in quella successiva per tentare di compensare l’ammanco in precedenza.

Inventato in Francia, è conosciuto pure come “metodo del raddoppio”, proprio a causa del suo singolare meccanismo. Una formula decisamente semplice nelle modalità. Per essere correttamente applicata, richiede un evento con due esiti di pari probabilità e un bankroll potenzialmente inesauribile. Ecco i quattro parametri da valutare mentre si sta per sfidare la sorte:

  • Puntata
  • Eventuale guadagno netto
  • Quota
  • Bankroll aggiornato

Detto ciò, il metodo Martingala scommesse impone certi accorgimenti affinché funzioni.

Sistema Martingala scommesse, è davvero utile?

Onde evitare di instillare false speranze, il sistema Martingala, se portato all’estremo, non porta nessuna vincita, anzi è fonte di perdite, pure cospicue. Difatti, va usato con criterio e rigore. Comunque, non è necessario mettersi le mani tra i capelli. Se rispetti una serie di parametri, ne capitalizzerai appieno il potenziale.

Il primo suggerimento è di aprire un conto gioco su uno dei migliori bookmakers AAMS suggeriti da 123scommesse. Li riconosci facilmente, basta aprire il portale ufficiale dell’azienda: se nella homepage troverai il logo ADM (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli) è abilitata a operare nel nostro territorio.

Quindi, effettua un versamento (ti abbiamo spiegato qui come fare). Non bisogna investire chissà quali importi. Adotta il sistema scommesse Martingala per quote relativamente modeste. Ciò poiché l’obiettivo è scongiurare filotti negativi e rischiare, di conseguenza, somme troppo elevate. Una schedina singola o multipla, con quote comprese tra due e tre, è l’ideale.

Occhio, poi: esamina a fondo i palinsesti e non tirare a indovinare. Chiaramente tale metodologia può essere sfruttata in qualsiasi sport, tant’è che trova ricorso pure nell’ippica. Se parliamo di calcio, opta per gli Under e Over, non necessariamente 2.5, e non per forza singole.

La formula della Martingala nelle scommesse

Per capirne a pieno il funzionamento, torna decisamente comodo conoscerne la formula matematica, che è la seguente:

Perdita totale + scommessa iniziale / Quota -1

È indispensabile prestare massima attenzione alle quote. In talune circostanze, se sono inferiori a 2, possono ritorcersi contro e rivelarsi uno svantaggio non trascurabile. E allora sì che la Martingala risulterebbe deleterio.

Per esempio, succede davanti ad una scommessa di elevato valore, ma con una quota inferiore a 2. Qui è bene rinunciare alla giocata oppure ricorrere a una soluzione alternativa per inserire il pronostico nel progressivo.
Laddove la quota sia superiore a 2 non ci sono, invece, problemi: è sufficiente porre in atto la strategia sopra illustrata.

Un tuo amico prova a fare buon uso del metodo Martingala anche per quote inferiori a 2? Non è l’unico. La giustificazione più comunemente adottata è che si ha la situazione sotto controllo. Questione di attribuirsi dei limiti, in teoria. Concretamente, non costituisce il massimo dell’affidabilità.

La Grande Martingala

La Grande Martingala è simile al metodo Martingala scommesse classico. Non c’è nulla di diverso, eccetto un dettaglio, non secondario. Si aggiunge una unità supplementare a ciascun controllo per incrementare le vincite. Ad esempio, quando si punta e si perde 1 euro, secondo la Martingala classica andrebbero investiti 2 euro (1*2=€2), mentre nella Grande Martingala l’importo corretto sarebbe di 3 euro (1*2+1=€3).

Alla terza mossa si giocherebbe rispettivamente 4 euro (2*2=€4) e 7 euro (3*2+1=€7), ecc. Se inanelli una striscia di successi dopo 3/4 mosse, il tuo bankroll finirà con l’arricchirsi sempre più velocemente e avrai via via occasione di sostenere un numero maggiore di fallimenti.

Prova adesso il metodo Martingala su uno dei nostri top bookmaker, Snai:

#1 Sito Scommesse in Italia
250 codes CLAIMED

Fino a 305€

  • Il più grande palinsesto scommesse
  • Live Streaming
  • Scommesse Virtuali
Copied

Pro e contro della Grande Martingala

Esiste, però, il rovescio della medaglia. Lo scenario appena illustrato vuole che tu sia abbastanza fortunato da mettere insieme parecchi colpi a segno, in seguito a tre o quattro tentativi non andati a buon segno per riempire rapidamente il tuo bankroll. Se la fortuna non gira a favore la situazione può assumere contorni drammatici. Il piano posto in pratica implica un bankroll di base ancora superiore rispetto alla Martingala classica. Quanto più ci si lascia prendere dalla avidità, dalla brama di guadagnare, tanto più ci si espone al rischio di perdere denaro in breve tempo.

Poi, c’è la cosiddetta variante Piquemouche, che comporta una chiave di lettura più prudente del metodo. Ti suggeriamo di optare a favore di tale strategia se hai un budget poco cospicuo. Nel caso di puntate vincenti o perdenti, puoi applicarla conformemente a una regola semplice e precisa. Il Piquemouche funziona nella seguente maniera: se lo scommettitore consegue un risultato negativo, scommetterà una cifra pari a 3 volte l’ammontare iniziale.

Esclusivamente in seguito a tre sconfitte consecutive, il giocatore avrà “occasione” di raddoppiare la sua scommessa. I pro sono da ricercarsi nel fatto che è prudente e sicuro. Difatti, non spinge a raddoppiare il proprio investimento nell’immediato, ma nel medio periodo. Così facendo è possibile giocare più volte prima di raggiungere la soglia massima fissata in precedenza. Diversamente, gli incassi tendono a essere bassi o persino, nulli laddove si sia partiti con il piede sbagliato.

Uno dei migliori bookmakers più utilizzati dagli scommettitori per il sistema Martingala è Betclic:

539 codes CLAIMED

Fino a 150€

  • Buona assistenza clienti
  • Grande scelta di mercati e quote
  • Eventi live e Streaming Live
Copied

Come funziona il metodo Martingala?

Il sistema Martingala è stato espressamente concepito per i giochi dove ogni puntata ha l’esatto 50% di probabilità di buona riuscita e permette di raddoppiare la somma messa sul piatto. Come è facile desumere, ciò non vale con riguardo al betting sportivo. E, dunque, che fare? Rinunciare ancor prima di averci provato? Ma anche no! Per sfruttare il sistema scommesse Martingala per money management sarà semmai opportuno compiere i seguenti passaggi:

  • Definisci uno stake iniziale – Fissa quanto desideri puntare sulla prima giocata. Ti suggeriamo di partire con uno stake modesto, così da non doverti spingere oltremodo in là con quelle successive, nell’eventualità di bad run. Lo stake fisso, detto anche “Massa pari”, è la base di ognuna delle montanti/progressioni. Sostanzialmente delinei l’ammontare della giocata e la mantieni costante lungo l’intera progressione. Va da sé che andrebbe sempre stabilito in percentuale della cassa. Lo scopo di uno stake plan è controllare nuove strategie, verificando se conducono in attivo.
  • Seleziona un evento e un mercato – Individua un match e un mercato appropriato che ti paiono stuzzicanti e sui quali ti senti competente.
  • Punta sulla quota designata – Punta lo stake sul pronostico stabilito. Rammenta che la quota deve superare 2.00, ma non essere eccessivamente alta: non sforare la soglia 3.00, per non incorrere in strisce negative interminabili. È anche possibile pronunciarsi su una partita dall’esito incerto oppure una in cui gli avvenimenti presentano quote simili.
  • Calcola lo stake della puntata successiva – Se hai vinto la giocata, ricomincia con lo stake iniziale. Se hai perso definiscilo con la seguente formula:

puntata attuale = (puntate totali + possibile guadagno) / (quota – 1)

  • Gioca fino a che non vinci una scommessa – Vai avanti a scommettere con la metodologia appena indicata, accertandoti sempre che la vincita della puntata a seguire copra le intere perdite fin lì accumulate.
  • Provvedi al cash out e ritira l’utile – Quando hai la meglio in una scommessa, hai l’opportunità di procedere al cash out e prelevare l’utile.

Prova il metodo Martingala su uno dei nostri top bookmaker, Betway:

Fino a 260€

  • Facilità di Utilizzo
  • Grande Varietà di Sport e Mercati
  • Quote Speciali

Un esempio di sistema Martingala

Per comprendere meglio i concetti illustrati facciamo un esempio con il tiro della monetina:

  • La cassa simbolica è di 20 euro
  • La puntata base di 1 euro (cioè il 5% della cassa)

Ecco le regole:

  • In caso di vittoria, la puntata successiva sarà di 1 euro
  • In caso di sconfitta, la puntata successiva sarà il doppio della puntata precedente
  • Si esegue il cash out (ossia il ritiro della vincita) nel momento in cui si giunge ad accaparrarsi la metà (50%) della cassa, cioè 10 euro (corrispondenti a 30 euro di cassa).

Quotando a 2 la vittoria (testa o croce) e applicando il sistema Martingala classico si “avanza” di 1 quota, cioè 1 euro, a ogni pronostico azzeccato. Dunque, dopo 10 successi si arriva al 50% della cassa iniziale (il nostro obiettivo); tenendo a mente che singolarmente la probabilità di buona riuscita della metà è incoraggiante, diviene ragionevole ipotizzare che occorrano “in media” 20 giocate per giungere alla metà della propria cassa iniziale.

Malgrado in apparenza sembri davvero semplice, tale strategia (senza modifiche ad hoc) cela numerose inside. Difatti, la ragione per cui è preferibile fare un cash-out (cioè ritirare la vincita e ripartire da zero) è da ricondursi alla pericolosità (partendo con una cassa di 20 unità) di perdere quattro volte consecutive (evento con la probabilità che accada il 12,5%). Alla quarta perdita, bisogna giocare 16 unità (euro in tal caso) quando non si ha una quota sufficiente (13 nell’esempio considerato) in cassa per coprirla.

Stake Quota Esito Vincita Bankroll Utile Calcolo stake successivo
10€ 3.00 Persa 0 190€ -10€ (10 + 20) / (3 – 1) = 15€
15€ 3.00 Persa 0 175€ -25€ (25 + 20) / (3 – 1) = 22,50€
22,50€ 3.00 Persa 0 152,50€ -47,50€ (47,50 + 20) / (3 – 1) = 33,75€
33,75€ 3.00 Persa 0 118.75€ -81,25€ (81,75 + 20) / (3 – 1) = 50,62€
50,62€ 3.00 Vinta 151.87€ 220€ +20€

Così sussistono due opzioni. La prima è rimpinguare la cassa con una quota abbastanza cospicua da coprire la scommessa successiva (3 unità nell’esempio); in caso di buona riuscita, si riotterranno pure i soldi investiti per rimpolpare la cassa. Cioè ha senso qualora il relativo valore sia particolarmente moderato. Difatti, se la cassa è di 20 euro, dovremmo versare 3 euro (tanto alla prima vincita li recupereremo). Il problema è quando la cassa ha un valore elevato (es. 1.000 euro); nella fattispecie, è complicato farvi fronte con quote elevate, a maggior ragione nel caso di filotto di sconfitte superiore a 4.

La seconda opzione è traducibile in una regola, vale a dire che, se non si ha cassa sufficiente per fare la puntata, si destina il 50% della cassa. Ipotizziamo di avere perso per cinque volte consecutive. Dalla quarta invece di puntare il doppio di quanto perso nella precedente occasione, si gioca metà della cassa fino alla vincita successiva e poi si riprende con i tipici principi della Martingala. In tale maniera, non sussiste l’onere di risanare la cassa, ma il numero di puntate occorrenti per arrivare a guadagnare il 50 per cento della cassa iniziale lievita sensibilmente. Anziché le 20 “di media”, per arrivare all’obiettivo ne sono necessarie 55.

Ecco perché si fissano traguardi parziali (ad esempio un 50% della cassa iniziale, ma sono accettabili pure percentuali inferiori), allo scopo di effettuare talvolta dei prelievi a meta raggiunta (intanto entra qualcosa nelle casse), per poi contenere i danni quando ci sono 4 o più fallimenti consecutivi.

Il sistema Martingala e le scommesse sul calcio

Con le scommesse sportive il discorso cambia e pure notevolmente, poiché le quote possono mutare, verso l’alto o verso il basso. Tale varianza costituisce sicuramente un grosso vantaggio per il player che mira a sfruttare consapevolmente la Martingala per le sue bollette. Qui è preferibile adottare il metodo sulle scommesse calcio, su gare per le quali ci siamo fatti un’opinione, invece che sulla roulette, dove tutto è lasciato al caso, almeno ufficialmente.

Decidiamo di fare una scommessa singola su un evento con quota 2.5. Ipotizziamo un pareggio dove l’1 è quotato a 1.8 e il 2 a 2.8. Poco ma sicuro, la scommessa è piuttosto audace ma comunque con buone chance di riuscita. Se si vince si avrà un payout di 2.5 pertanto, supponendo una puntata di 100 euro, se ne si aggiudicheranno 150 netti.

Per il recupero nella eventualità di una perdita si potrebbe ricorrere alla Martingala. Nella fattispecie, dovremmo recuperare i 100 euro evaporati. Per farcela potremmo decidere di puntare 50 euro su una quota di 3, ma tale soluzione ci esporrebbe a un ingente rischio, poiché andremmo a esporsi in misura limitata sull’importo ma notevolmente sulla quota (ben 3, perciò di realizzazione discretamente complicata).

Qualora si voglia coprire con il Martingala è perciò consigliabile invertire i due fattori e puntare di più sulla sicurezza di una quota bassa. Ad esempio, destinando 500 euro con quota 1.20 si avrebbe diritto a 100 euro netti e si sarebbe rientrati dal passivo. Si evince allora come con quota 1.20 un’eventuale Martingala ben ponderata può rappresentare la chiave di svolta. Certamente 500 euro possono apparire una cifra ingente ma se la rapportiamo alle probabilità dell’avvenimento ci rendiamo conto che, possedendo il budget richiesto, è una via logica da percorrere.

Detto questo, non resta che provare il servizio di ricarica sui siti scommesse Martingala attraverso uno dei nostri top bookmakers, 888sport:

984 codes CLAIMED

Fino a 100€

  • Buone promozioni settimanali
  • Vasta scelta mercati
  • Tanti sport su cui scommettere
Copied

Dove scaricare il Martingala online?

Il calcolo di Martingala online è, tutto sommato, semplice: la formula te l’abbiamo già mostrata. A ogni modo, per semplificarsi la vita resta comunque possibile procedere al download di un foglio di calcolo elettronico. Se hai uno smartphone o un tablet con sistema operativo Android hai al tuo servizio alcuni programmi interessanti, tra cui Martingale Strategy, La Martingale e Martingale Calculator. Purtroppo, non ci sono pari soluzioni sull’Apple Store. Gli unici software reperibili sono quelli sviluppati per le opzioni binarie in finanza.

In rete sono, inoltre, disponibili diversi fogli di calcolo che richiedono, giustappunto, l’inserimento dei valori per risalire all’importo da puntare per fare buon uso del metodo. Apri il tuo motore di ricerca più fidato e digita “martingale excel sheet download”: troverai una moltitudine di forum che trattano l’argomento e condividono risorse utili con gli utenti.

A chi è adatto il Martingala?

L’apparente semplicità del sistema Martingala potrebbe indurre a presumere che la strategia in oggetto sia alla portata di chiunque, persino degli utenti alle prime armi. Come dicevano i vecchi saggi, le apparenze, però, ingannano. Stai, perciò, bene attento, onde evitare di cadere anche tu in fallo: minimi errori di calcolo o prolungate bad run potrebbero esporvi a consistenti perdite.

In aggiunta, è imprescindibile disporre di un importante capitale di partenza per supplire a lunghi record negativi. D’altra parte, le agenzie italiane hanno, in conformità alla legislazione nazionale, un tetto massimo di vincita, pari a 10.000 euro. Ne deriva che la programmazione non è utilizzabile all’infinito. Se ti avvicini per la prima volta alla materia, o comunque non hai un ampio bagaglio di esperienze, fatti dapprima le ossa con i tradizionali sistemi scommesse. La Martingala costituisce un gradino ulteriore, eventualmente da salire nel momento in cui ti senti particolarmente ferrato. Le possibili conseguenze alle quali rischi di andare incontro ti dovrebbero indurre a una accurata riflessione.

Vantaggi e Svantaggi del sistema Martingala

Qualsiasi metodologia di money management (ossia di gestione del denaro) presenta dei pro e dei contro. La parola finale, quella decisiva, compete allo singolo scommettitore, chiamato a individuare quella più adatto al suo stile di gioco. Nel caso della Martingala scommesse sportive è lecito, tuttavia, affermare che gli svantaggi superano nettamente i vantaggi. Più esattamente, pure con una rigorosa applicazione delle regole, l’utile ottenibile, se raffrontato all’investimento, non è proporzionato. Nell’elenco qui riportato ti offriamo una veloce panoramica sui pro e sui contro.

Cosa ci piace:

  • Piuttosto semplice da apprendere nelle dinamiche generali
  • Non impone stime sul valore o la chance di una giocata o di una quota

Cosa non va:

  • Implica un generoso budget di partenza, al fine di coprire perdite pure piuttosto lunghe
  • Il guadagno reale potrebbe non giustificate le risorse e il tempo impiegati
  • La quota 2.00 nel betting sportivo non corrisponde al 50 per cento delle probabilità

Conclusioni

Sarebbe bello, anzi favoloso, elaborare un metodo infallibile, capace di portare vincite in continuazione nelle scommesse sportive. In verità le cose stanno diversamente e mentre ci si accinge a fruire del Martingala conviene ponderare la decisione a fondo. In linea generale, prendilo in esame qualora la probabilità di vincita stimata sia superiore alla metà. Poniti nelle migliori condizioni per divertirti senza porre a repentaglio il tuo patrimonio e, sia in positivo che in negativo, comprendi quando è il momento di interrompere la serie e avvalerti del cash out.

Il Miglior sito di scommesse per il metodo Martingala

#1 Sito Scommesse in Italia
471 codes CLAIMED

Fino a 305€

  • Il più grande palinsesto scommesse
  • Live Streaming
  • Scommesse Virtuali
Copied

Domande Frequenti Martingala – FAQ

Il Martingala per scommesse è un metodo sicuro?

Le opinioni autorevoli nel betting concordano che la Martingala è una delle forme di money management più rischiose in assoluto. Tra gli svantaggi individuati, la necessità di detenere un ingente capitale iniziale.

Il sistema Martingala è adatto alle scommesse sul calcio?

Sì, è adatto alle scommesse sul calcio, premesso qualche accorgimento e tenendo conto che una quota pari a 2.00 quasi mai corrisponde al 50% di probabilità di buon esito.

Come funziona il Martingala per scommesse?

La finalità della Martingala per scommesse è quella di delineare l’importo da scommettere su una giocata successiva ad una perdita. Trae fondamento dalla logica della progressione con raddoppio, accompagnato da determinate accortezze per il betting sportivo.

Quali sono i migliori operatori per giocare la Martingala con il betting sportivo?

I migliori operatori sono i leader di settore, che non hanno bisogno di presentazioni, perché la storia parla per loro. Qualcuno del calibro di Snai, Betway e 888sport.

Chi Siamo Vincenzo Maida

Editore di punta della nostra redazione. Vincenzo è firma nota nel panorama delle scommesse sportive, grazie alla sua immensa competenza e al tono graffiante che utilizza nel trattare i temi più disparati. Laureato in Scienze dello Sport a Roma, lavora con noi dal 2014.